FAQ per software XML per ANAC

(ex AVCP - legge 190/2012)

Invitiamo a consultare prima di tutto le FAQ ufficiali dell’ANAC.

FAQ relative al generatore di file XML per ANAC

aggiornate al 24-01-2019​

Il Software è stato aggiornato con la versione 80 del 24.1.2019 alle nuove specifiche emesse e può già essere utilizzato.

L’URL deve essere un riferimento assoluto alla posizione del file XML; pertanto non sono validi percorsi relativi (come quelli ad esempio utilizzati da molti CMS) che contengono caratteri come “?”.
Un esempio di URL valido è: http://www.ente.gov.it/varie/file2013.xml
Un esempio di URL NON valido è: http://www.ente.gov.it/schede.aspx?azione=schede&id_sezione=20/file2013.xml
In fase di generazione del file XML, nel caso in cui venga inserito un URL non valido il software segnalerà l’anomalia.

Probabilmente è stato rilasciato un aggiornamento dell’applicazione ed è necessario fare pulizia della cache del browser. Per fare questo premere CTRL+F5.

Per impostazione predefinita la schermata delle gare viene presentata vuota. Premere il bottone “cerca” senza selezionare alcun filtro per visualizzare tutte le gare d’appalto insieme.

Tutti i dati relativi a contratti la cui durata ricade nell’anno di riferimento indicato Ad esempio nel file per il 2018 saranno inclusi tutti i contratti che nel 2018 hanno avuto inizio, fine o sono in corso di svolgimento. Attenzione dalla release 70 del 22-1-2015 è stata introdotta una nuova importante funzionalità in merito!

Serve, nel caso lo si volesse utilizzare, esclusivamente a visualizzare i dati inseriti per l’ANAC anche per gli adempimenti connessi al d.lgs 33/2013 (Amministrazione Trasparente). In tal caso è sufficiente inserire nell’apposita sezione di Amministrazione Trasparente dell’Ente il link indicato nella pagina principale. (Al proposito si vedano art. 37 Dlgs 33/2013 e delibera n.26 del 22/5/2013, art.3 dell’AVCP)

Il file deve essere pubblicato nella sezione di Amministrazione Trasparente del sito istituzionale dell’Ente

Deve essere fatta comunicazione all’ANAC tramite PEC (quest’anno entro il 31.1.2019 relativamente all’anno 2018) dell’URL dove è posizionato il file. Ad esempio un URL valido è http://www.nomecomune.gov.it/file2013.xml. Il modulo per la comunicazione è reperibile all’indirizzo http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/Servizi/ServiziOnline/DichiarazioneAdempLegge190

No. E’ sufficiente l’utilizzo del browser predefinito. Il software è compatibile con Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox e Safari.

No. Il software è legato all’Ente che lo utilizza attraverso il suo codice fiscale che è un dato non modificabile. Nel caso in esame è necessario acquistare 2 accessi distinti per i 2 Enti.

Le specifiche rilasciate dall’ANAC non forniscono alcuna indicazione sui contenuti da inserire in queste voci. Il campo pertanto è libero. Riteniamo che potrebbe essere proficuo inserire sia nel “titolo” che nell’”abstract” una descrizione generica del tipo “File XML per l’Ente xxxx, anno xxxx”

La domanda è pertinente… ma così è richiesto dalle specifiche di riferimento dell’ANAC. Pertanto si dovrà decidere con anticipo in quale percorso del sito web istituzionale posizionare il file XML in modo tale da conoscerne già l’URL al momento della generazione.